VISITA VIRTUALE e
STORIA del castello

Nota del Vicariato
sulla sanitÓ

Inaugurazione della mostra "POESIA DELLA MEMORIA CONTADINA" 
con l'intervento di Mario Rigoni Stern

E la Piazza si Ŕ animata attorno alla memoria contadina

[indice]

La Rocca di Castello ha vissuto un pacifico assedio domenica pomeriggio per l'inaugurazione della mostra "Poesia della memoria contadina", sculture in ferro dell'artista Angelo Gilberto Perlotto di Trissino. Quando lo scrittore Mario Rigoni Stern ha varcato il portone che immette ai cortili e allo scalone d'onore Ŕ stato un lungo applauso liberatorio dopo l'attesa festosa. Pomeriggio ricco di emozioni. Poi il parlare quasi concitato intorno al mistero della "Valigia dell'emigrante", uno degli oggetti realizzati da Perlotto, che, a dire di chi ha allestito con molta cura la mostra nel salone del terzo piano del maniero, non si fa mai trovare nella posizione destinata, come se venisse spostata da mani invisibili. Infine la meravigliosa scoperta degli ampi spazi che il castello offre dopo il restauro durati due anni su progetto dell'architetto Renata Fochesato. Mario Rigoni Stern ha esordito esprimendo la felicitÓ per la neve che poche ore prima aveva imbiancato il Pasubio, l'Ortigara, il Carega, sorpresa perfino inebriante della prima domenica di giugno, come nel tempo delle mai dimenticate "burrasche dei cavalieri", i bachi da seta che proprio a partire dalla fine di maggio venivano "coltivati" sulle colline e nelle campagne vicentine. E lo scrittore si Ŕ lasciato andare subito a una specie di poetica elencazione degli attrezzi, delle cose da portico, da cucina, da stalla, insomma tutto ci˛ che rischia di essere dimenticato e che lo scultore trissinese ha idealmente fermato nel ferro per una meditazione commossa. Prima c'era stato il benvenuto proposto dall'assessore alla cultura dottor Antonio De Sanctis, presenti i sindaci di Arzignano e di Trissino e di Gambellara, cui ha fatto seguito la lettura molto indovinata di alcuni passi di "Inverni lontani". Infine, ecco le ispirate parole dello scrittore che ha mostrato di trovarsi nella situazione ideale per un incontro con tanta gente delle valli del Chiampo e dell'Agno, complice la dolce memoria di una civiltÓ rurale non del tutto perduta. La visita alla mostra l'ha aperta lui , sostando con affettuosa ammirazione davanti a ogni opera. "Si sente l'odore del tabacco", ha detto la pipa adagiata su un ripiano di pietra. "Queste sono le pieghe della fatica e dell'amore", ha sussurrato davanti al grande tabarro appeso nell'angolo tra l'ombrello nero e il cappellaccio. Poi ha giocato sulle vocali dell'arconcello, il big˛lo, che nel dialetto vicentino si pronuncia anche con la prima "o" stretta e addirittura, verso levante, con la elle evanescente. Ventuno "pezzi" realizzati in grandezza naturale, con cura estrema dei particolari, comprese le indimenticabili sgalmare, "i nobili calzari della povertÓ" con il fondo di legno, come ha scritto il poeta Adelmo Dalla Valle, arzignanese, che verrÓ ricordato con una serata, sempre a Castello, prima che si concluda la mostra, la sera di giovedý 21 giugno prossimo. E davanti ala Valigia dell'emigrante; pensando alle centinaia e centinaia di veneti, anche di arzignanesi, partiti per terre lontane, lo scrittore di Asiago, con la consueta affabilitÓ, ha detto che "saranno i pensieri della nostalgia a farla muovere quasi a volare nelle notti arcane della Rocca". Gli era accanto, sorridente e per nulla preoccuppato, l'arciprete Don Alvidio Bisognin unico abitante del castello, dato che da moltissimi anni Ŕ la canonica della parrocchia. E a sera, per completare l'intenso pomeriggio culturale, nel teatro Mattarello gremito, La Piccionaia di Vicenza ha proposto la versione teatrale di "Le stagioni di Giacomo". Realizzato da Titino Carrara e Carlo Presotto, con Paola Rossi e Patricia Zanco accanto allo stesso Presotto, ha ottenuto un vibrante successo, con numerose entusiastiche chiamate alla fine. Mario Rigoni Stern, che doveva introdurre lo spettacolo - come si dice in gergo "fare la spiega" -, ha lasciato il compito agli amici arzignanesi per correre al suo altipiano prima del buio e godere un'altra volta, da vicino, la meravigliosa neve di giugno.

[indice]